Una canzone per Giulia, 14 luglio 2002…

Questo non é un vero e proprio ricordo legato a lei, nel senso che quando questi fatti sono accaduti lei ci aveva già lasciato da quasi due anni, sicché se non lo pubblicherete lo comprendo… io e altri due amici miei eravamo andati a un raduno a Reggio Emilia, di una famosa cantante ovvero ELISA, era una cantante di cui Giulia una volta era fun, beh non starò a narrare la epopea a partire dal viaggio in macchina iniziato da Montecatini per arrivare a Reggio…una roba che ancora a ripensarci mi vengono le vertigini..oppure l’attesa micidiale sotto la pioggia.. narrò però la cosa che secondo me fu più importante di quel giorno, quando noi tre stremati al momento di incontrare Eli gli abbiamo chiesto se per favore potesse dedicare una canzone a una sua fun che non c’era più a un angelo sceso in terra da Dio e che a Dio era ritornato…un angelo che avrebbe potuto cambiare il mondo con l’amore se solo gliene fosse stata data la possibilità, tutti ci sentivamo un pò dei cretini a parlare così di Giulia e dopo ci siamo detti se non avremmo potuto trovare parole migliori per descriverla, chissà se ELISA avrebbe considerato quello che le avevamo chiesto, “chissà quanti gli fanno una richiesta del genere” pensavamo, credevamo che ELISA non ne avrebbe fatto di niente e invece….
Quandò incomincia il concerto chiede un momento di fermarsi a tutti, perché non può cominciare senza prima dedicare una canzone a una persona importante e qui dopo aver fatto a Giulia una dedica che penso gli sarebbe piaciuta un sacco… gli cantò una canzone, gli dedicò STRANGER il cui testo riporto qui sotto e che esprime quello che io e altri ragazzi come me sentivano in quegli anni al sapere che l’angelo del Murialdo non c’era più..

STRANGER

Stranger you look so different
Some other thoughts fill up your mind
And you just made it happen
Got me thinking ’bout you in my life
And now I hope that my wish’s not too weak
I hope that my will is enough enough
’cause you made it all good for me yeah
You made it all right
You made it all good for me yeah
You made it just fine
Strange can you forgive me
If it sounds like I know you too well
It’s just that you
Have been like water when I was feeling so thirsty
Oh and now, I think of you though you don’t know
The reason why I love you so
But never mind
’cause you made me it all good to me yeah
You made it all right
You made it all good for me yeah
You made it just fine
Stranger can you forgive me
If it sounds like I know you too well?
It’s just that you
Have been like water when I was feeling so thirsty
Oh and now; I think of you though you don’t know
The reason why I love you so
But never mind
But never mind
’cause you made me it all good to me yeah
You made it all right
You made it all good for me yeah
You made it just fine
Could you feel higher
Yet I know it’d be too much for your love
It’d be sad to wait for anything your anything..
So I sing.
I sing the words that I would say to you
I sing the time that I would spend with you with you..
’cause you made me it all good to me yeah
You made it all right
You made it all good for me yeah
You made it just fine
Could you feel higher
Could I feel better
Could I feel higher
Stranger you look so different
Some other thoughts fill up my mind
And you just made it happen
Got me thinking of you in my life

Aggiungo una dedica finale: Eravamo tutti, tanto diversi, con i nostri pensieri, chiusi… ma tu lo hai fatto succedere, ci hai fatto unire e ci hai fatto pensare a te nelle nostre vite, grazie Giulia.

Mi piace!
8
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica. Contrassegna il permalink.