Se tu non ci fossi, andresti inventata.

Tuo nome: Siliana.
Adesso dove ti trovi: a casa mia, stesso palazzo di Giulia.
Come hai conosciuto Giulia? Un vero e proprio incontro non c’è stato, conoscevo la mamma Rita da quando avevamo 13 anni e quindi poi ritrovarsi ad abitare nello stesso palazzo è stato un continuare il cammino iniziato tanti anni prima. Giulia è cresciuta nella mia casa, compagna prima di giochi e poi di tante esperienze di mio figlio e insieme abbiamo condiviso la passione per l’oratorio. Sarebbe molto lungo raccontare tutto cio’ che ha riempito la nostra vita: le giornate al Rifugio Uso di Sotto, le serate in Parrocchia, le chiacchierate su come sognavamo l’Oratorio e tanto altro ancora… Ricordo che una domenica in cui Giulia aveva cantato durante la messa in modo particolarmente bello e coinvolgente, la aspettai sulla porta della chiesa e quando mi venne incontro le gridai, allargando le braccia come per un grande abbraccio: “Se tu non ci fossi … bisognerebbe invertarti!” Rise di gusto, le brillavano gli occhi… e mi abbraccio’.
Giulia in tre aggettivi: Determinata, splendente, unica.
La canzone di oggi che Giulia amerebbe cantare: Non saprei, dato il livello attuale della musica, ma di sicuro continuerebbe ad amare gli U2.
La canzone di ieri che hai amato suonare con Giulia: Mai preso una chitarra in mano, ma Giulia sapeva bene quali canzoni mi piacevano cantate da lei, infatti me le registrava con la sua voce e poi, mi regalava il nastro.
La musica nella tua vita: Colonna sonora di una vita, dei momenti belli che ti rimangono nel cuore.
In un mondo perfetto: Non esiste, perchè esiste l’uomo con tutto il bene, ma anche il male di cui è capace. Sarebbe perfetto se ogni persona donasse l’AMORE agli altri, come Giulia ha fatto, dimostrando a tutti che l’amore di Dio si manifesta e si trasmette solo amando: così l’uomo crea la sua felicità.
L’altro lato del dolore è: La gioia della vita, una gioia serena che si trova nelle piccole cose, negli sguardi , nei ricordi, nella certezza dell’esistenza dell’amore.
La Musica serve sicuramente a qualcosa. A cosa per te? Ad accompagnarmi nel cammino della vita.

By Siliana Biagini

Mi piace!
10

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Parrocchie, Pensieri personali. Contrassegna il permalink.