Il ricordo non ha aggettivi, solo emozioni.

Andrea Bagnatori (Sinistra) e Are Buonamici

Tuo nome: Are.
Adesso ti trovi: Pescia, casa.
Come hai conosciuto Giulia?
Giulia in tre aggettivi: Il ricordo non ha aggettivi, solo emozioni!
La canzone di oggi che Giulia amerebbe cantare: Soul Sister, Train (basta vedere la foto della locandina per capire il perchè…).
La canzone di ieri che hai amato suonare con Giulia: Dentro (Ontario).
La musica nella tua vita: La strada da percorrere.
In un mondo perfetto: Non rispondo, l’ipocrisia non è il mio mondo…
L’altro lato del dolore è: godere ancora di più di questo splendido dono che è la vita.
La Musica serve sicuramente a qualcosa. A cosa, per te? A condividere ogni momento quel dono di cui sopra.

Ebbene ci siamo, l’ Evento sta arrivando, queste ore saranno così piene di tutto che ritrovarsi a giovedi mattina sarà un battito di ciglia: complimenti sinceri per questo RICORDO di Vita, a te, a tutti ! Un grazie indiretto ad Andrea Bagnatori che mi invitò mesi fa a partecipare a questa Festa, niente succede per caso, sappi che ho accettato con entusiasmo questa proposta in primis per il grande significato umano che porta con sè e poi più prosaicamente anche perchè sembra proprio un trampolino di lancio
per la continuazione del Progetto ONTARIO che vedrà nel 2011 il ventennale della nostro percorso musicale e per il quale con una nuova formazione (io, Bardi – chitarre – , Leonetti – batteria, Basile – basso, stiamo preparando da 2 anni (!) un programma a tutto tondo degno della nostra Band (sito, FB, concerti eccetera).
Anche per questo ringrazio un Angelo di nome Giulia!
Un bacio e a mercoledi ;-)

By Are Buonamici

Mi piace!
5

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Pensieri personali. Contrassegna il permalink.