Certo che mi sento di rispondere!

Ciao a tutti! Certo che mi sento di rispondere! Mi chiamo Sara e sono di Pieve a Nievole… In questo momento sto al pc a guardare il bellissimo sito che avete fatto su Giulia. Io l’ho conosciuta partecipando come gruppo parrocchiale di Pieve a Nievole a tantissimi cantagiovane e giornate della gioventù che si svolgevano in quegli anni. Il ricordo di Giulia che ho sempre con me è questo: me la ricordo così, solare, allegra, e con tanta voglia di cantare e sorridente ma sopratutto faceva sentire viva la musica e il canto… se potesse cantare ora una canzone credo che gli u2 non guasterebbero…
Sarò sincera: io non ho mai suonato con lei ma come gruppo parrocchiale ho cantato tante canzoni e c’è una canzone che io ricordo particolarmente che facemmo al Santa Maria Assunta a Montecatini terme che mi è sempre rimasta in memoria a cui lei suonava la batteria: Dio del cielo… Mi ricordo ancora quando si cantava e lei invece urlava più di noi.
Per me la musica nella mia vita significa accanto alla parola amore tutto ciò che cè di più bello. Secondo me non dovrebbero esserci odi e rancori ma solo la pace e volersi bene ma fosse facile…
L’altra faccia del dolore è senz’altro la gioia.
La musica serve a ricordare, sognare, esprimere attraverso un testo cantando quello che ti senti dentro, le tue sensazioni più belle… per questo concludo dicendo grazie Giulia!!!!!!!!!!!
Sara

Mi piace!
6

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, Musica, Parrocchie, Pensieri personali, Religione. Contrassegna il permalink.