Amare a perdifiato, l’unica risposta possibile.

Siamo in macchina una sera, io, qualche amico e Giulia. E’ una sera tranquilla, forse fa un freddo terribile, c’è da dire che il bello delle macchine di tanti anni fa è che il soffione dell’aria calda va eccome, c’è poco di elettronico e molto di meccanico. Siamo nella proprietà di qualcuno, a parlare, così, con l’auto parcheggiata sotto stelle piene, e si va avanti per ore, sperando che non esca il contadino imbelvito. Giulia ha una risata che attacca, e scoppia a ridere spesso, che è un piacere perchè l’atmosfera è parecchio cupa: uno dei miei amici pianta i Pink Floyd, e si sofferma su questa frase, quella che dice ” e poi un giorno ti svegli e sono passati dieci anni, nessuno ti ha detto quando iniziare a correre, ti sei perso lo sparo iniziale”.

Giulia un pò ci sta poi sbotta: è un peccato mortale starsi a lamentare prima del tempo, ma falla finita, ma “ripigliati”, e basta con la musica triste. Parliamo spesso del tempo però, mai con quella tristezza, ragioniamo di quando da vecchie ci dovranno levare la chitarra o il piano di sotto mano, e anche di come ogni tanto scivoliamo nel coro alpino  senza volerlo: le voci multiple sono la vera passione in comune, i controcanti, più che il suonare in sè. Eva è la più precisa c’è da dire, ma Giulia acchiappa subito i canali. A me toccano le tracce più flebili, Giulia mi rinomina Romina Power.

Ci immaginiamo fra molti anni, assieme, con buzzi prominenti e parrucche, qualche dente: di certo non capita in tutte le vite di avere Giulia e Eva. A me lo scettro della più grassa, sicuramente, ma le chiappe della Iori secondo noi avrebbero superato di gran lunga quelle delle altre – oltretutto con quella forma a bauletto. Qualche volta penso che fosse troppo, che me le abbiano prestate per qualche anno: poi se le sono riprese, una in un monastero e una lassù, a badare a noialtri.

Giulia si oscurava, completamente, qualche volta. Voglio dire che non era una persona felice di natura, ma una che ce la metteva tutta per fare di ogni giornata un avvenimento: ammiravo questa capacità di dare senza fondo, anche se ci litigavamo ogni tanto. Mi chiedevo se fosse tutto buono, se tutti meritassero tutto lo spazio, sempre, o se fosse quel donare continuo un modo di placare certi dolori: non attaccava, comunque, perchè Giulia era in missione per aiutare il resto del mondo. E come quando dicono che ognuno dovrebbe seguire il suo interesse, che la vita è una sola, che anche i matrimoni finiscono perchè innamorarsi di nuovo è importante, e tu pensi che è (anche) alla tua famiglia che stanno attentando, lei mi guardava come se stessi cercando di portarle via gli altri. Come se fossi pazza. Aveva ragione lei.

Mi piace!
11

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Pensieri personali, Religione. Contrassegna il permalink.