Ventura Highway, con Giulia


Tuo nome: Leonardo Falcone
Adesso ti trovi: Al Borgo (Borgo a Buggiano)
Come hai conosciuto Giulia? La prima volta ho visto Giulia ero un ragazzetto, suonava la batteria alla festa del bombolone al Corpus Domini e suonava forte!, poi non so come è entrata fortunosamente nelle mie conoscenze, direi grazie a Paolino e la Claudia, all’epoca proprietari del locale Bakeroo, dove Giulia e Eva suonavano di tanto in tanto e dove abbbiamo anche suonato insieme, che bei ricordi.
Giulia in tre aggettivi: Vitale, Serena, Carismatica, (i primi tre tra tanti che mi vengono in mente)
La canzone di oggi che Giulia amerebbe cantare: Almeno tu nell’Universo – Versione di Elisa – si lo so non è tanto di oggi nemmeno quella di Elisa, ma proprio questa penso le piacerebbe molto.
La canzone di ieri che hai amato suonare con Giulia: tra le tante, mmh vediamo… Ventura Highway.
La musica nella tua vita: Quella buona è Emozione, forte.
In un mondo perfetto: eh! tante cose. Ma mi piace pensare che questo tutto sommato sia già un mondo perfetto, poi sta a noi coglierne l’essenza positiva, in questo Giulia è stata sicuramente maestra. Ma se proprio dovessi modificare utopicamente qualcosa in questo mondo vorrei che ci fosse data sempre una seconda possibilità. Non aggiungo che vorrei rivedere le persone a cui ho voluto Bene e che non ci sono più, visto che già so per certo che accadrà.
L’altro lato del dolore è: Il dolore amaro, quello secco senza vie di fuga, quello che non si accetta, è forse quello che ti cambia in profondità, quello che lascia una cicatrice che col tempo non farà più male ma che rimarrà come monito a ricordarci ciò che ci ha fatto soffrire ed il perchè ci ha fatto soffrire. Il dolore crea in seconda battuta esperienza e consapevolezza, se devo vederci un risvolto della medaglia dico che probabilmente è quell’emozione che ci fa crescere, a volte anche prima del tempo.
La Musica serve sicuramente a qualcosa. A cosa, per te? Principalmente mi è servita a conoscere mia moglie, ora mi permette di sentirmi orglioso ogni volta che la sento cantare :-) 
Più genericamente mi piace immergermi nella musica soprattutto quando nella sua forma più sincera diventa un legante tra le persone, la uso per rilassarmi, per elettrizzarmi, per caricarmi, per commuovermi, per agitarmi, per dormire serenamente.
P.S. Certo, che domandine facili che ci rivolgi! Spero che rispondendoti in poche parole abbia colto il segno di ciò che ci chiedi. Comunque grazie, sono contento per l’occasione che ci hai offerto, a presto
Leo
pps: sono d’accordo :-) 
nove
ciao

Mi piace!
11

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Parrocchie, Pensieri personali, Religione. Contrassegna il permalink.