Il basso rosso.

Mi chiamo Emanuele.
Non ricordo nemmeno esattamente quando ho conosciuto Giulia. Non importa, non m’importa. Conservo intatti però, sugli scaffali della mia memoria, montecatinesi pomeriggi affocati, coll’odore scivoloso degli strumenti incollato addosso; sere estive perse a buttar via note storte dietro a pleniluni celati da seminterrati e cantine arredati con batterie asimmetriche, tappeti, odore di sigaretta e birra stappata da ore; e un unico, solitario, pomeriggio ghiaccissimo all’aperto, dicembre o giù di lì, forse l’ultima volta in cui abbiamo suonato insieme. Poi ho lasciato contatti frequenti con quel gruppo e con quelle amicizie, per perdermi insieme agli altri, a tutti gli altri, nel viottolo sinuoso della vita. E son stato travolto, quindi, anni dopo, più che dall’acerba notizia della partenza di Giulia, dall’affastellarsi di tutti questi ricordi, pochi ma nitidissimi, feroci come paure lasciate a rincorrersi in un animo divenuto all’improvviso sgombro. Non avrei mai creduto in un’assenza così tangibile per una persona che credevo, in fondo, di conoscere così poco. E solo allora ho capito che avevo in mano la cristallina evidenza della perenne grandezza di Giulia.
Forse anche perché anch’io avevo viaggiato con Giulia, per qualche metro di diesis e bemolle lungo la corda del mio primo, buffissimo e sgangherato basso rosso.

A cura di Emanuele Pellegrini

Mi piace!
15

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Pensieri personali. Contrassegna il permalink.