Giulia? Non si può dimenticare.

Tuo nome: Mary
Adesso ti trovi: a Borgo a Buggiano.
Come hai conosciuto Giulia? L’ho conosciuta al Murialdo alle prove del primo concerto per i giovani organizzato dal vescovo al teatro Verdi.
Giulia in tre aggettivi: solare, serena, trascinante.
La canzone di oggi che Giulia amerebbe cantare: “Eppure sentire”.
La canzone di ieri che hai amato suonare con Giulia: ho il ricordo di un “Time after time” improvvisato e bellissimo.
La musica nella tua vita: La musica è fondamentale, è il mio ossigeno, senza non sarei io.
In un mondo perfetto: Credo che il nostro mondo non sia così male, mi piacerebbe solo incontrare più persone pulite come era sicuramente Giulia, mi aiuterebbero a trovare il bello anche dove io non riesco a vederlo.
L’altro lato del dolore è: Il ricordo che nonostante il tempo non ti permette di dimenticare i momenti belli.
La Musica serve sicuramente a qualcosa. A cosa, per te? E’  la mia compagna, sottolinea i momenti belli e quelli brutti, mi trascina in un secondo indietro nel tempo, quando sono su un palco mi fa sentire ancora una ragazza di sedici anni.

PS: Ho conosciuto Giulia ai concerti per la gioventù dove ci ritrovavamo con i ragazzi di tutte le parrocchie, una persona solare, piena di energia positiva, mai stanca di provare e riprovare il pezzo finchè i ragazzi non erano a loro agio, trovo l’iniziativa di questo sito bellissima, perchè Giulia non si può dimenticare …

By Mary Filizola

Mi piace!
11

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Parrocchie, Pensieri personali. Contrassegna il permalink.