Giulia, nella penna di Fabiano

Fabiano Fedi

Il tuo nome: Fabiano Fedi
Adesso ti trovi: in seminario, a Lucca. Sono all’ultimo anno. E’ quasi finita!!
Come hai conosciuto Giulia? Frequentavamo entrambi i gruppi delle parrocchie delle diocesi. Di solito feste o manifestazioni diocesane lei era più o meno sempre responsabile del gruppo base e della musica in genere e io della parte di grafica, scenografia, manifesti e location. Abbiamo collaborato anche se spesso a distanza o parallelamente più che insieme. Un po’ meglio ci siamo conosciuti grazie a Don Paolo quando mi ha ingaggiato per fare dei murales in parrocchia, io dpingevo sul muro, disegnavo, mi sfavavo perchè mi imbrattavano la parete, e lei si metteva a sedere sul marciapiede e mi suonava le canzoni degli U2 con la chitarra. Di solito non parlavamo quasi per nulla. Mai avuto bisogno!
Giulia in tre aggettivi: grintosa, attenta, determinata
La canzone di oggi che Giulia amerebbe cantare: non saprei, però l’avrei vista bene a cantare “Mandaci una cartolina” di Carmen Consoli. Un testo criptico ma intimo e splendido una volta capito esoprattutto musica non banale!
La canzone di ieri che hai amato suonare con Giulia: mai suonato in vita mia. Però cantavamo “But I still haven’t found what I’m looking for” degli U2.
La musica nella tua vita: una piscina in cui immergersi, a volte nuotare altre lasciarsi galleggiare. Non so suonare nemmeno un carillon e non canto, ma mi affascina tutta la musica.
In un mondo perfetto: avremmo più tempo per ascoltare la musica, noi stessi, il prossimo, il mondo e Dio. “L’universo ha musica per chi sa ascoltare!”
L’altro lato del dolore è: il dono.
La Musica serve sicuramente a qualcosa. A cosa, per te? A capire e a capirmi meglio in un modo po’ meno razionale e più di pancia!

ps: comunque se fai il libro, avendo già fatto il ritratto ufficiale per la stanza di musica dellla parrocchia del Corpus Domini, mi prenoto per la copertina.

Mi piace!
12

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Parrocchie, Pensieri personali, Religione. Contrassegna il permalink.