Giulia. Difficile riassumerla in tre aggettivi.

Giulia Iori

Tuo nome: Elena Giannerini
Adesso ti trovi: Adesso sono in cucina e ho appena finito di ascoltare Angels di Robbie Williams.
Come hai conosciuto Giulia? Ho conosciuto giulia nell aprile del 1993 in occasione di una festa di 3 giorni organizzata a Montecatini dalla mia parrocchia; io e mia sorella ci occupavamo dei canti e della parte strumentale e cosi abbiamo conosciuto Giulia: inutile dire che ci ha subito conquistate con la sua passione travolgente la sua allegria la sua indescrivibile musicalita’ e capacita’ di far suonare qualunque strumento le capitasse fra le mani. Ci siamo scambiate gli indirizzi e l’amicizia e’ perdurata negli anni e ha costituito una luce preziosa nella mia vita: oltre all’amore per la musica ci univa una fede forte e un amore per Cristo: ero davvero affascinata dal suo modo travolgente e concreto di amare Gesu’ e il prossimo e ho sempre considerato una grazia averla incontrata e aver camminato insieme.
Giulia in tre aggettivi: Giulia… difficile riassumerla in tre aggettivi ma ci provero’ ben sapendo di lasciarne fuori tantissimi:

  • innamorata della vita
  • innamorata del prossimo
  • innamorata di Dio

La canzone di ieri che hai amato suonare con Giulia:  Una canzone che ho amato ascoltare da lei e’ ”more than words” invece una che ho amato suonare con lei e’ ” l’Amore di Dio”
La musica nella tua vita: La musica nella mia vita non entra spesso ma quando lo fa tocca le corde più profonde e mi fa sentire in comunione con il creato, viva, capace di amare, di gioire e di soffrire.
L’altro lato del dolore è: L’altro lato del dolore forse e’ la consapevolezza di cio’ che siamo e di cio’ che abbiamo. Dal dolore puo’ nascere speranza …
La Musica serve sicuramente a qualcosa. A cosa, per te? La musica serve a toccare le nostre anime cosi incapaci di amare e a renderle anche per pochi minuti migliori.

Mi piace!
13

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Parrocchie, Pensieri personali, Religione. Contrassegna il permalink.