Quello che costa, quello che rende.

Giulia mi prendeva amorosamente sempre in giro, mi chiamava ambarabaccicciccoccò – la figlia del dottore. Non lo faceva davanti agli altri, certo, Giulia non usava distruggere gli altri per inquadrare sé stessa, ma quando ci trovavamo a casa della Rita me lo diceva (eccome), ridendo. La figlia del dottore che non ha mai imparato a fare la lavatrice, che andava a giro con i tacchi alti anche quando si trattava di scalare una collina e suonare davanti al fuoco. Giulia, invece, no.

Lei era libera, temporaneamente attaccata alla chitarra, forse, ma veloce e felice come solo le persone che non hanno da trascinarsi dietro le collezioni di porcellane. Ecco, mettiamola così: se avesse abitato una nave e la nave fosse andata a fondo, molto probabilmente avrebbe avuto da gestire solo trenta chili di cassette. E il giubbotto ripieno a balze.

La libertà, e la fede – non quella delle signore con la pelliccia d’ermellino la domenica mattina -, sono state la ricerca più grande che Giulia mi ha lasciato, e il percorso continua ancora.

Mi piace!
5

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, In the name of love, Musica, Pensieri personali. Contrassegna il permalink.