Primo comandamento (di Giulia): se puoi, facce ‘na risata.

Quelli che hanno conosciuto Giulia ricordano bene che ogni volta che lasciava la stanza, la casa, c’era da asciugarsi la fronte: o si ballava, o si cantava, o si schiantava dal ridere, o stavamo per prendere la macchina per andare da qualche parte. Quelli che invece  hanno avuto la sfiga di non incontrarla, per poterla immaginare dovrebbero mischiare la Maria di Tutti Insieme Appassionatamente, la musicalità di Andrew Lloyd Webber e la semplicità di San Francesco per avvicinarsi, per difetto, a quel gomitolo di vita impazzita che era lei.

Certo, aveva i suoi lati negativi: cucinava come un pastore cieco. Portava calzini di spugna terribili. Aveva dei giubbotti che da soli impiegavano sei posti della macchina. E ogni tanto per provare un controcanto, all’improvviso (ndr: non c’era l’iPod) urlava una terza con la potenza del vulcano, qui, nel mio orecchio. All’urlo lancinante seguiva “E’ questa la voce che devi fare! Hai capito sì o no?!”.  E io, riversa sul pavimento dopo un infarto, annotavo nella memoria breve.

Ma se la Musica era una sua (importante) declinazione, la sua natura risiedeva nella voglia di ridere, di vivere appieno: a Giulia avevano dato 10 talenti e ne riportava 100 a settimana. Giulia era il miglior broker alla banca dell’Amore e noi tutti attingevamo senza fine da lei, il nostro diavolo della Tazmania, rimanendo storditi a volte: “oh, ma levati le pile, ma facci stare un attimo tranquilli”. Niente, non era possibile.

La cosa che la faceva più ridere di me, non che io lo volessi, era il mio incedere sui tacchi alti, che non levo nemmeno per andare a letto: andiamo che sembri sciancata, ma ti levi quei cosiiiiii, e io le rispondevo  me li levo, sì, il giorno che te ti metti un tailleur rosa.

Mi piace!
7

Info su juandpaola

Juanita è una donna di trentacinque anni che da grande voleva fare la rockstar, ma ha aperto una società di redditi immobiliari, ha una bambina di quattro anni che adora e un quasi marito inglese che parla l'Italiano peggio di Don Lurio. Se Giulia fosse ancora viva molto probabilmente Juanita sarebbe la sua tour manager.
Questa voce è stata pubblicata in Giulia Iori, Musica, Pensieri personali. Contrassegna il permalink.